Olio di cocco proprietà e utilizzi

image_pdfimage_print

coconut-1501392_640Olio di cocco proprietà e utilizzi

“L’olio di cocco – spiega la dottoressa Valentina Schirò, biologa nutrizionista e specialista in Scienza dell’alimentazione – è un grasso di origine vegetale ottenuto grazie alla pressatura della copra ovvero la polpa bianca e fibrosa della noce di cocco. Tale processo di estrazione può essere effettuato proprio perché la polpa è costituita da circa il 65% di grasso”.

 

 

 

  • AMICO PER LA PELLE
  • PER UNA CHIOMA SPLENDENTE
  • SOTTO AL SOLE
  • ANTI AGE
  • ANTIBATTERICO
  • FACILMENTE DIGERIBILE
  • SAZIANTE
  • AIUTA A COMBATTERE IL COLESTEROLO
  • RINFRESCANTE (acqua di cocco)
  • SBIANCANTE PER I DENTI

Si è visto come esso costituisca un’ottima arma contro la carie dei denti in quanto capace di combattere i batteri che ne causano la comparsa. Lo possiamo considerare quindi un vero e proprio antibiotico naturale capace di preservare la salute della nostra bocca”. Dopo aver lavato i denti, può essere usato al posto del colluttorio grazie alla sua azione antibatterica. Il risultato? Denti bianchi e in salute.

Scopriamo insieme tutte le caratteristiche di questo prodotto naturale 

olio-cocco-700x545“L’olio di cocco – spiega la dottoressa Valentina Schirò, biologa nutrizionista e specialista in Scienza dell’alimentazione – è un grasso di origine vegetale ottenuto grazie alla pressatura della copra ovvero la polpa bianca e fibrosa della noce di cocco. Tale processo di estrazione può essere effettuato proprio perché la polpa è costituita da circa il 65% di grasso”.

“L’olio di cocco – spiega l’esperta – fornisce un apporto calorico di circa 899 kcal per 100gr di prodotto. E’ abbondantemente costituito da acidi grassi saturi (86.8%), principalmente a catena di lunghezza media (6-12 atomi di carbonio) come caprinico, caprilico, caprico e laurico (Fonte: INRAN). Tra questi grassi, l’acido grasso laurico è quello prevalentemente rappresentato. Sebbene questi grassi appartengano alla famiglia dei saturi, noti appunto per la loro pericolosità, gli acidi grassi a media catena non influenzano negativamente i livelli di colesterolo ematico. Inoltre è un prodotto che ha innumerevoli qualità”.

 

Tra le diverse sostanze alleate della bellezza naturale c’è anche questa l’olio di cocco: proprietà e benefici sono noti da tempo alle popolazioni che abitano le zone tropicali.

Dalla polpa essiccata della noce di cocco si ottiene l’olio di cocco proprietà e benefici di questa sostanza preziosa sono noti da tempo sebbene nei decenni scorsi in alcune nazioni come Canada e Stati Uniti questo olio si ritrovò al centro di una campagna denigratoria, sostenuta dalle aziende produttrici di olio di soia e di olio di mais, che lo dipingevano come dannoso per per la presenza di grassi saturi. Oggi questa fama negativa è stata completamente superata grazie a studi che lo hanno riabilitato, ma, nonostante questo, l’olio di cocco non è ancora una sostanza di uso comune.

Circa il 90% dell’olio di cocco è rappresentato da acidi grassi saturi, principalmente acido laurico, che è anche un componente importante del latte materno, per questa ragione è un alimento indicato per i neonati, soprattutto se prematuri o  sottopeso, perché viene facilmente assimilato. Gli altri acidi grassi sono quello caprico, caprilico, palmitico, miristico, linoleico, oleico.

 

Sul mercato circolano diversi tipi di olio di cocco. I principali sono due:

olio di cocco puro (o vergine), che non ha subito alcun tipo di intervento artificiale di raffinazione (pastorizzazione, idrogenazione o altro) e che quindi mantiene il profumo e il sapore del cocco inalterato, così come il contenuto di antiossidanti ed altre proprietà. L’olio di cocco puro è ricavato dalla copra ed è più adatto a uso cosmetico, per massaggi e per usi medicinali.

olio di cocco raffinato. Quest’ultimo è ricavato dalla polpa della noce di cocco essiccata e trattata con determinati procedimenti industriali, ossia una serie lavorazioni meccaniche e chimiche in conseguenza dei quali perde colore e odore, alcuni componenti come proteine, ma non gli acidi grassi (quindi non perde le proprietà antivirali). Non avrà il gusto e il profumo originale del cocco e in sostanza mantiene solo parzialmente le sue proprietà a cambio di un più lungo periodo di conservazione.

L’olio di cocco, contrariamente alla sua definizione di olio, si presenta in forma solida, piuttosto simile alla consistenza del burro, si fonde quando raggiunge la temperature di 24°/25°, non va conservato in frigo.

Oltre all’olio di cocco potete trovare qui altri cosmetici naturali di base per prodotti fai-da-te.

 

Olio di cocco: proprietà e benefici

L’olio di cocco ha proprietà antivirali, antibatteriche, antifungine e antimicrobiche. In particolare, l’acido laurico contribuisce a combattere malattie come herpes, influenza, citomegalovirus, gonorrea ed è particolarmente efficace contro la candida. Del resto è la sostanza che in assoluto contiene più acido laurico di ogni altra al mondo. Uno studio condotto nel 2009 ha dimostrato che il consumo di 2 cucchiai al giorno di questo olio consente di controllare il peso e soprattutto di favorire l’eliminazione del grasso addominale che in genere è difficile da smaltire anche per chi segue diete dimagranti.

 

Rafforza l’organismo in generale, rendendo più resistenti le difese immunitarie contro infezioni batteriche, funghi e virus, sembra poi che sia particolarmente efficace contro la candida.

 

Come applicazione esterna ha manifestato efficacia contro alcuni problemi come acne, eczemi, rosacea, cheratosi e anche psoriasi, come già detto, protegge da attacchi batterici e funghi e crea una barriera all’assorbimento di sostanze chimiche tossiche. E’ ricco di vitamina E e applicato sulla pelle del corpo dopo bagno o doccia la rende estremamente morbida, inoltre va molto bene anche per idratare e proteggere la mani.

 

Questo olio si presta a diversi usi, non solo come prodotto di bellezza ma anche in cucina. Vediamole tutte.

Olio di cocco, proprietà cosmetiche

In cosmetica l’olio di cocco è utilizzato per la bellezza dei capelli e della pelle di viso e corpo. Sui capelli si applica direttamente dopo aver fatto sciogliere la quantità necessaria con un po’ di calore (meglio evitare il microonde), rende i capelli splendenti, setosi e ne facilita la crescita, fornisce nutrimento ai capelli danneggiati, li protegge dagli agenti esterni ed è efficace contro la forfora. In commercio ci sono diversi balsami e creme per capelli a base di olio di cocco.

Per la pelle, del viso e del corpo, ha effetti idratanti, antirughe, antinvecchiamento, inoltre rientra in prodotti specifici per il trattamento di eczemi, dermatiti e anche della psoriasi.

Poiché facilita l’assorbimento di calcio e magnesio da parte dell’organismo, l’olio di cocco fa bene alle ossa e anche ai denti, addirittura impedisce la carie dentaria.

Olio di cocco per capelli

Non solo rinvigorisce i capelli e li rende lucidi, ma sembra efficace anche contro la forfora. Il modo migliore di applicarlo sui capelli è quello di massaggiarlo direttamente sul cuoio capelluto lasciandolo in posa, possibilmente, per qualche ora.

Olio di cocco proprietà in cucina

coconut-milk-1623611_640Tra le popolazioni delle aree tropicali che usano abitualmente questo olio a scopi alimentari non sono preoccupantemente diffusi obesità e sovrappeso come nei Paesi occidentali. L’olio di cocco contiene acidi grassi a media catena è utile, quindi, per combattere e prevenire i problemi di peso, è facilmente digeribile, aiuta il funzionamento della tiroide e del sistema endocrino, velocizza il metabolismo.

Il principale pregio dell’olio di cocco, che lo rende molto gradito nella cucina salutista, è la presenza dell’acido laurico, un grasso saturo che ha la capacità di elevare il livello del colesterolo buono, il colesterolo HDL, e ridurre il colesterolo LDL.

Non solo, previene le malattie del fegato, dei reni combattendo anche la formazione dei calcoli, aiuta a controllare gli zuccheri nel sangue e migliora la secrezione dell’insulina. Permette di controllare il livello di colesterolo nel sangue e la pressione arteriosa, per cui previene l’aterosclerosi.

La sua consistenza normale a temperatura ambiente non è liquida ma solida, simile al burro, per cui quando se ne fa uso, ingerendolo o per applicazioni esterne, va stemperato con delicatezza, poi può essere cucinato a elevate temperature e anche fritto poiché contiene prevalentemente grassi saturi a catena media che non danneggiano le arterie.

Come alimento gli usi dell’olio di cocco sono svariati, meglio evitare di cucinarlo, ma utilizzarlo preferibilmente in aggiunta ad altri cibi, ottimo ad esempio da aggiungere a una tazzina di caffé o alla tazza di té, al frullato, al latte o allo yogurt, basta solo mescolare bene! Spesso viene usato per perdere peso, dato la sua composizione di acidi grassi ha la capacità di accelerare il metabolismo, con indubbi vantaggi dal punto di vista dietetico.

 

Ecco comunque una ricetta di smoothie all’olio di cocco, ideale per i mesi più caldi. Gli ingredienti per una porzione sono:

1 tazza di latte

1 banana

50 gr di mirtilli

30 gr di semi di lino

30 gr di mandorle o altri frutti secchi sbriciolati

15 gr di polvere di cocco

15 gr di olio di cocco

Preparazione: Si mette tutto nel frullatore, eccetto l’olio di cocco precedentemente sciolto, si inizia a frullare aggiungendo poco per volta l’olio di cocco, quando raggiunge una consistenza cremosa lo smoothie è pronto.

 

VEDI ANCHE 

Più di 100 utilizzi dell”Olio di Cocco – La guida completa

 

IL NOSTRO SUGGERIMENTO ……

 

Olio Vergine di Cocco Crudo Bio Raw

olio-di-cocco-bio-forlive

 

olio di cocco Bio forlive

 

 

Lascia una risposta