Modo d’uso D-Mannosio Waterfall: mannosio puro per combattere cistiti, infezioni urinarie, escherichia coli e infezioni alla vescica

Alla comparsa dei sintomi assumere un cucchiaino di D-Mannosio Waterfall in un bicchiere d’acqua o di succo di frutta (mela, limone, ananas, ma non mirtillo rosso o arancia). All’inizio, non assumere il prodotto con troppa acqua, per non diluirne la concentrazione nella vescica e cercare di mantenere l’urina alcalina, anziché acida.

Un’ora dopo l’assunzione, bere un po’ di liquido per facilitare l’evacuazione dell’orina carica di mannosio nella sua forma complessata, ossia legato ai batteri E.coli.

Ripetere l’assunzione ogni tre ore nei primi due o tre giorni di trattamento, quindi ridurre il dosaggio a tre volte al giorno per i successivi due o tre giorni.

Se l’assunzione viene fatta in modo corretto, tutte le colonie di escherichia coli dovrebbero essere eliminate e l’infezione non ripresentarsi più nel giro di una-tre settimane. Bisogna fare il trattamento al completo per evitare che alcune colonie sopravvivano nella mucosa vescicale e diano inizio ad una nuova infezione.

Mantenere una minzione media e più lunga possibile per consentire ai batteri di venir trascinati nel flusso dell’urina.

La elevata concentrazione di D-Mannosio Waterfall nell’urina può essere difficile da raggiungere nel caso di persone che soffrano di patologie come il Morbo Celiaco, la malattia di Chrohn o presentino infiammazione delle mucose intestinali, oppure infezioni da parassiti come la Giardia o l’anchilostoma. Questi pazienti hanno problemi di assorbimento intestinale e pertanto presentano più alti livelli di batteri E.coli e salmonella nell’intestino che nella vescica. Pertanto il D-Mannosio si legherà ai batteri nell’intestino senza raggiungere alte concentrazioni nel tratto urinario. In questo caso la soluzione consiste nell’elevare le dosi e la frequenza dell’assunzione.

Infezioni del tratto urinario

Se il D-Mannosio Waterfall non elimina i sintomi, allora non si tratta di infezione da E.coli o salmonella e bisogna rivolgersi ad un medico. Sebbene il D-Mannosio Waterfall curi il 99% delle infezioni del tratto urinario i sintomi possono essere dovuti ad altri problemi quali calcoli, problemi di prostata o renali, oppure infezioni di natura virale.

Se l’infezione in atto è relativa ai reni, bisogna contattare immediatamente un medico che vi prescriverà la corretta terapia antibiotica.

Il D-Mannosio Waterfall potrà essere somministrato in un secondo tempo per eliminare le ultime colonie di E.coli resistenti, rimaste annidate nelle mucose.

Somministrazione per prevenzione

La somministrazione preventiva cambia a seconda se si ha tendenza alle recidive e in ogni caso

il D-Mannosio agisce bene come preventivo se lo si è già usato per trattare un’infezione precedente. Infatti, il batterio E.coli non si lega al mannosio libero dell’urina solo se sono assenti le lectine che normalmente si legano al mannosio presente nelle mucose.

Per le donne che hanno tendenza alle recidive il D-Mannosio Waterfall può essere assunto un’ora prima di un rapporto sessuale e immediatamente dopo, cercando di urinare solo a fine rapporto. Questo sistema può risultare complicato, ma è sicuramente efficace come prevenzione. Gli uomini non hanno bisogno di prenderlo in via preventiva dal momento che il rapporto sessuale non crea problemi di cistite come nelle donne. Possono tuttavia assumerlo non appena si presentano i sintomi oppure due volte la settimana in via preventiva.

L’assunzione regolare di D-Mannosio Waterfall contribuisce a ridurre progressivamente la possibilità di avere attacchi di cistite e infezioni urinarie. Le ragioni sono numerose e si possono spiegare così:

senza l’assunzione di antibiotici il sistema immunitario si rafforza
il d-mannosio gradualmente indebolisce le colonie di escherichia coli annidate nelle mucose e al riparo dall’azione degli antibiotici.
quando i batteri si staccano dalle mucose (di solito durante o in seguito alla stimolazione del rapporto sessuale) si allontanano insieme all’orina satura di d-mannosio
utilizzando il d-mannosio i batteri E.coli mutano perdendo via via le lectine che servono a creare legame con il mannosio presente nelle mucose del tratto urinario e pertanto i batteri non vi si aggrappano più. In tal modo le reinfezioni sono meno probabili.
Frequenza d’uso

Per le persone con tendenza alle recidive, il D-Mannose Waterfall può essere preso senza limitazioni. Assumendolo in modo regolare, fa si che gradualmente le infezioni del tratto urinario diminuiscono per le ragioni sopra indicate. Non si conoscono effetti collaterali e tuttavia nuove ricerche hanno evidenziato il fatto che come il batterio E.coli attacca le cellule dei tessuti utilizzando i recettori del mannosio, così il d-mannosio circonda lo sperma e gli impedisce di aderire all’uovo. Questo sta a significare che assumendo il D-Mannosio Waterfall regolarmente, si riduce la probabilità di concepimento.

Acquista il nostro D-Mannosio Waterfall