PRODOTTI DOMICILIARI

I dispositivi elettromedicali rappresentano un punto di riferimento sicuro per il paziente che vuole fare terapia in autonomia, nell’intimità della sua casa. Sono in grado di aiutare i pazienti a ridurre il dolore e ritrovare la mobilità, per migliorare la qualità della loro vita.
Erboristeriaweb Ti può fornire tutti i prodotti presenti nel catalogo I.Tech home therapy ... il  Catalogo in Pdf  lo trovi alla fine di questa pagina .  Per info, disponibilità, costo dei prodotti sul catalogo chiama assistenza clienti al 0693667678 o invia una mail a erboristeriaweb@gmail.com .

Le apparecchiature I-Tech Medical Division
sono certificate da ente notificato dal Ministero della Salute.

Importante: I dispositivi devono intendersi sempre come un utile strumento per la terapia fisica e non possono mai sostituirsi al prezioso ruolo del medico di fiducia. Ti consigliamo dunque di consultare sempre il tuo medico prima e dopo il trattamento.

MIO CARE TENS

ELETTROTERAPIA

Ideale per chi desidera alleviare o risolvere problematiche collegate al dolore senza ambizioni di rassodamento o aumento della forza muscolare dello sportivo.

MIO VEIN

ELETTROTERAPIA

Mio Vein è il nuovo dispositivo a 2 canali in grado di stimolare la muscolatura del polpaccio e aiutare in questo modo la corretta circolazione venosa. Risulta particolarmente indicato in caso di malattie venose o in situazioni a rischio di insorgenza di disturbi venosi.

ULTRASUONOTERAPIA

Apparecchio innovativo dalle grandi prestazioni per trattamenti domiciliari ed ambulatoriali. Unisce compattezza e semplicità d’uso alle prestazioni straordinarie che ne fanno il dispositivo professionale più piccolo e leggero al mondo.

MAGNETOTERAPIA

dispositivo per magnetoterapia domiciliare e professionale. Due canali da 150 Gauss ciascuno facilitano il trattamento di differenti parti del corpo attraverso una fascia elastica terapeutica molto confortevole, composta da 3 solenoidi.

ELETTRO MEDICALI

Perché usarli e quali usare?

 

I-Tech Medical Division

Molte patologie non possono essere curate solo con un farmaco o con un integratore. 

Quando vi recate da un Medico Ortopedico o Da un Osteopata, vi potrà richiedere anche di effettuare dei cicli di terapia tramite un macchina elettromedicale.

Le attrezzature usate dai professionisti sono progettate ed hanno caratteristiche specifiche per un utilizzo continuo per anni, per fare fare ore di terapia continua. Per uso Domiciliare abbiamo bisogno di attrezzature che siano in grado di offrire la stessa utilità terapeutica.  Alcune non possono essere disponibili per il pubblico l'operatore deve avere delle abilitazioni mediche e tecniche particolari o perchè sono molto costose e quindi antieconomiche per acquistarle per il solo L' I-Tech azienda che progetta attrezzature per i professionisti Progetta con la stessa qualità anche anche una serie di prodotti pensati per utilizzo "Home-Casa" che grazie al miglioramento della tecnologia sono divenute disponibili per Tutti.

DOLORE E INFIAMMAZIONE CRONICO

Nelle problematiche muscolo scheletriche, spesso  troviamo situazioni che i medici definiscono "croniche" per traumi, età o altre cause. Sono quelle situazioni che ci costringono ad assumere farmaci ogni giorno. Esistono anche situazioni in cui insorge una patologia che è spesso risolvibile ma che ha bisogno di  molto tempo per risolversi.

Il dolore è normalmente una delle basi della patologia accompagnato da una infiammazione.

 

I Moderni presidi per Home Terapy 

 

  • Magnetoterapia

Le Apparecchiature per la MAGNETOTERAPIA sono diverse ha secondo del loro utilizzo e delle dotazioni

Per saperne di Più VAI ALLA PAGINA DEL PRODOTTO "LAMAGNETO"

QUESTI PRODOTTI NON LI TROVATE NEL SITO MA SCEGLIETELI NEL CATALOGO DA SCARICARE...
Meglio prima di effettuare l' acquisto consigliarsi con Noi per sapere se la scelta è Utile al vostro problema e se dovete integrare con uno degli accessori...

I prezzi sono da scontare...

 

Elettroterapia Tens -- MIO-CARE Tens

CARATTERISTICHE TECNICHE
  • 20 PROGRAMMI con oltre 300 applicazioni;
  • elettroterapia a 2 canali indipendenti con possibilità di collegare fino a 8 elettrodi;
  • generatore di onda quadra bifasica e compensata: la quantità di corrente che corre dal polo positivo al negativo è uguale e costante, si evita così il pericoloso effetto termico di polarizzazione possibile invece con uno stimolatore ad onda non compensata;
  • tastiera digitale con comandi semplici ed intuitivi;
  • istruzioni sul programma in corso e tempo rimanente fornite direttamente sul display;
  • funzionamento con batteria interna ricaricabile (estraibile);
  • display retroilluminato;
  • intensità massima 200 mApp;
  • dispositivo medico certificato CE0476

Ultrasuonoterapia -- MIO SONIC Ultrasuonoterapia

Apparecchio innovativo dalle grandi prestazioni per trattamenti domiciliari ed ambulatoriali. Unisce compattezza e semplicità d’uso alle prestazioni straordinarie che ne fanno il dispositivo professionale più piccolo e leggero al mondo.

CARATTERISTICHE TECNICHE
  • Dispositivo professionale per ultrasuonoterapia
  • 9 programmi
  • Ultrasuono da 1MHz con potenza massima di 6,4W, intensità massima sulla superficie 1,6W/cm²;
  • Fascio ultrasonico collimato per una ottimale penetrazione attraverso i tessuti;
  • 3 livelli di intensità del fascio ultrasonico: 0,08 W/cm2 (basso) -0,8 W/cm2 (medio) -1,6 W/cm2 (alto);
  • Funzionamento con alimentatore medicale dedicato;
  • Dispositivo medico certificato CE0476
  • Adatto esclusivamente all’utilizzo di superficie (no immersione)

 

Questi primi tre  medicali sono praticamente usati dal 100%

dei terapisti e sono anche di facile utilizzo domiciliare....

 

altri presidi Home Terapy

(caratteristiche e prezzo nel catalogo in PDF)

 

  • Lampada ad infrarosso

 

  • Bagno di paraffina

 

  • Pressoterapia

 

Questi prodotti si possono essere usare facilmente a casa benché siano "professionali" ... il loro acquisto e consigliato se avete bisogno d usarli per molto tempo... e quindi avere un notevole risparmio su terapie a pagamento

PER SAPERNE DI PIU'..

 

Magnetoterapia -

 

7 passi per l’acquisto dell’apparecchio giusto

 

“Una magnetoterapia è per sempre”. Al di là della frase scherzosa un fondo di verità c’è. Se scegli il giusto dispositivo, e per farlo basta seguire le indicazioni che trovi qui, sono sicuro che l’investimento che farai sarà una risorsa importante per la salute tua e della tua famiglia, anche per molti anni a venire.

La magnetoterapia consiste di un dispositivo elettronico che emette campi elettromagnetici che vengono trasferiti al paziente tramite determinati applicatori. Esistono due modalità principali di emissione di campi magnetici prodotti dai circuiti elettronici:

  • Magnetoterapia a bassa frequenza e alta intensità (misurata in Gauss)
  • Magnetoterapia ad alta frequenza e bassa intensità (misurata in mW)

Entrambe le tecniche producono campi elettromagnetici pulsati (elettromagnetici poiché prodotti da un circuito elettronico che genera una corrente, pulsati poiché entrambi sono emessi in frequenza e non in modalità continua). Si parla quindi di CEMP acronimo di Campi Elettro Magnetici Pulsati.

La magnetoterapia agisce a livello cellulare ripristinando l’equilibrio energetico della cellula stessa.

Più precisamente tutte le cellule essendo organismi viventi sono dotate di energia, nello specifico una carica elettrica che può essere compresa tra -55 e -90 mV corrispondente alla differenza di potenziale tra l’ambiente intra ed extra cellulare.

Quando le cellule si ammalano, per una infezione o un trauma, o qualsiasi altra causa, perdono parte della loro carica energetica. Lo scopo della magnetoterapia è proprio quello di ripristinare la carica elettrica al fine di ripristinare l’equilibrio fisiologico della cellula.

Per questo spesso si parla anche di BIOSTIMOLAZIONE CELLULARE.

Tra le principali applicazioni terapeutiche troviamo:

  • Osteoporosi
  • Fratture
  • Cervicalgia
  • Distorsioni
  • Contratture muscolari
  • Dolori lombo-sacrali
  • Osteonecrosi
  • Artrosi/artriti
  • Ritardi di calcificazione
  • Algodistrofia
  • Epicondilite/Epitrocleite
  • Dolori muscolari
  • Reumatismi

E fondamentale fare il giusto acquisto considerato l'uso che si dovrà farne e i risultati che si vogliono ottenere. Vi sono apparecchi con diverse caratteristiche per uso domiciliare. Si deve valutare, magari consigliandosi con il proprio medico quali tra le proposte quella più valida per voi, considerando anche la vostra possibilità di spesa. Tenendo conto anche del risparmio, non dovendo più fare terapia presso un ambulatorio.

 

TENS terapia - Mai usata al posto della pastiglia?

 

Vuoi scoprire una tecnica terapeutica che potrebbe mandare in pensione definitivamente le tue pillole e tutti i farmaci che prendi per i dolori che ti affliggono?

In questo post (scritto a 4 mani con il direttore commerciale dell'azienda che ospita questo blog) scoprirai perché la TENS potrebbe essere veramente una valida alternativa alla terapia farmacologica. Quello che imparerai in questo articolo ti permetterà di orientarti in modo semplice tra le montagne di informazioni sbagliate e falsi miti che si trovano in rete su questo tipo di trattamento. Sarai in grado di scegliere e spiegare ad altri perché e come fare TENS terapia.

Iniziamo?

La TENS può salvarti dal dolore tanto quanto una pillola antidolorifica, ma con mille vantaggi.

 

Conosco molte persone, purtroppo anche della mia famiglia che nella loro vita hanno avuto svariati problemi di salute e che sistematicamente ogni volta, hanno dovuto fare i conti con una grande quantità di farmaci da assumere per superare la crisi dolorosa.

Questa pratica purtroppo non è “indolore” anzi!

La maggior parte delle persone di fronte al dolore ha una reazione istintiva: assumere una pastiglia. Tipicamente tra i farmaci, i FANS hanno la funzione di alleviare i sintomi del dolore. Ma nella vita nulla è gratis e non mi riferisco al prezzo di vendita delle pastiglie ma alle controindicazioni successive alla loro assunzione. Solo per citarne alcune troviamo diarrea, nausea, vomito, bruciori gastrici. Ne sai qualcosa?

Inoltre, l’uso continuativo di FANS può provocare ulcere gastrointestinali con emorragie più o meno gravi.

Per limitare gli effetti collaterali poi, siamo costretti a prendere le medicine a stomaco pieno aggiungendo altri farmaci gastroprotettori. Pillole su pillole, chimica su chimica.

Pensiamo poi ai casi limite di soggetti con ulcere, intolleranze a specifici principi attivi, soggetti che assumono anticoagulanti. Cosa possono fare in caso di dolore intenso e localizzato? Dopo lo vediamo insieme.

 

Il dolore è come una fiamma che rischia di diventare un incendio, la TENS è l’estintore.

 

Mi spiego meglio. Quando inizia un sintomo doloroso il corpo ci sta avvisando che è in corso un processo infiammatorio di qualche genere. Paragoniamolo come detto prima ad una fiamma che nasce. La cosa più importante in questi casi è quella di evitare che la fiamma appena accesa si trasformi in un incendio. Quando il fuoco è alto sappiamo tutti che è troppo tardi, che un estintore non sarà più sufficiente per spegnerlo tutto.

Allo stesso modo quando ad esempio in seguito ad un trauma cominciamo a sentire dolore, dobbiamo subito preoccuparci di superare la crisi più acuta dell’infiammazione attraverso la riduzione del dolore.

Per fare questo abbiamo due strade:

  1. Usare farmaci antiinfiammatori (ad esempio i FANS) che sono molto efficaci ma che come abbiamo visto hanno pesanti effetti collaterali sullo stomaco e sul fegato, senza parlare di chi è allergico e proprio non li può utilizzare
  2. Fare TENS terapia che riduce efficacemente il dolore tanto quanto i farmaci ma ha quasi zero effetti collaterali (li vedremo dopo)

In entrambi i casi avremo evitato di entrare in un circolo vizioso in cui a causa del dolore la parte del corpo dolente viene tenuta immobile limitando la circolazione sanguigna e impedendo alle sostanze algogene (quelle che procurano il dolore) di essere smaltite. Queste sostanze sono responsabili dell'attivazione dei nocicettori, i ricettori di stimoli che si trovano alla fine delle terminazioni nervose. Quando i nocicettori vengono stimolati, vengono inviati al sistema nervoso centrale i segnali responsabili del sintomo doloroso. La TENS favorisce lo smaltimento di queste sostanze algogene dal liquido interstiziale evitando che stimolino i nocitettori e di conseguenza il dolore.

Ora che abbiamo le idee chiare sulle ragioni più importanti per cui è necessario alleviare rapidamente il dolore analizziamo un po’ in dettaglio, ma con parole molto semplici cos’è la TENS e come si utilizza.

 

COS'È LA TENS?

Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation (TENS), in italiano stimolazione nervosa elettrica transcutanea è un tipo di terapia fatta con un dispositivo elettronico che invia piccoli impulsi di corrente alle varie zone da trattare. Questo tipo di impulso viene usato per alleviare il dolore. Alcuni dispositivi TENS di tipo professionale sono progettati per essere usati in ospedali e centri fisioterapici ma negli ultimi anni la tecnologia ha permesso la creazione di apparecchi per uso domiciliare molto semplici da usare ed egualmente efficaci.

La terapia TENS è indicata per alleviare i sintomi dell’iperalgesia, una condizione di ipersensibilità al dolore che può essere localizzato in tutte le parti del corpo.

 

QUALI TIPI DI TENS ESISTONO?

In letteratura esistono diversi tipi di TENS in funzione dei parametri impiegati per generare gli impulsi terapeutici: Tens endorfinica o a effetto ritardato, Tens convenzionale o a effetto rapido, Tens a valori massimiTens BurstTens a modulazione di frequenzaTens a modulazione di larghezzaTens sequenzialeTens Spyke e potrei andare avanti. Lo so ti senti confuso, continua a leggere e facciamo un po' di chiarezza.

 

COSA FA UNA TENS?

Le prime tre delle TENS descritte sopra (TENS Endorfinica, TENS Convenzionale e TENS ai Valori Massimi) sono largamente le più usate perché riconducibili a precisi effetti terapeutici che sono stati dimostrati da studi clinici dedicati. Le altre, anche se efficaci, sono tecniche terapeutiche che si allontanano dallo scopo principale della TENS (la riduzione del dolore) motivo per cui ci concentreremo solo sulle prime  per evitare ulteriore confusione.

  1. La TENS Endorfinica (o Ritardata) ha lo scopo di innalzare la soglia di percezione del dolore aumentando la quantità di sostanze morfinosimili nell’organismo. Ha un effetto che si manifesta dopo qualche ora dalla fine del trattamento e tende a conservarsi per alcune ore. La frequenza dei singoli impulsi è molto bassa e la sensazione che si prova durante la terapia è piacevole e simile ad un massaggio. Le singole sedute devono durare 30/40 minuti
  2. La TENS Convenzionale (o Rapida) si manifesta dopo 30/40 minuti dall’inizio del trattamento ed il suo effetto permane per poco tempo. Richiede dunque frequenti applicazioni fino alla scomparsa dei sintomi dolorosi. La frequenza utilizzata è alta (50-100 impulsi al secondo) e produce una sensazione sulla pelle simile al formicolio. La regolazione dell'intensità durante la terapia è soggettiva ma non deve mai superare la soglia oltre la quale i muscoli circostanti l’area trattata cominciano a contrarsi (ci si ferma prima). È importante che le singole sedute durino almeno 30/40 minuti
  3. La TENS ai Valori Massimi utilizza la massima frequenza e larghezza degli impulsi disponibili e deve essere eseguita alla massima intensità tollerata (ad un livello elevato con relativa contrazione dei muscoli circostanti l’area trattata). Normalmente si impiega per alleviare il dolore acuto dopo traumi intensi come ad esempio distorsioni o forti contusioni. La durata della seduta è di 3-5 minuti
  4. Le altre TENS di cui abbiamo accennato sono la combinazione delle prime tre e non aggiungono nulla a livello terapeutico rispetto a quelle descritte

 

ULTRASUONOTERAPIA

 

In campo terapeutico gli ultrasuoni sono ottenuti in modo artificiale sfruttando la proprietà di alcuni cristalli minerali di dilatarsi e comprimersi quando sottoposti all'azione di un campo elettrico.

L'irradiazione ultrasonica genera vibrazioni ed un conseguente micromassaggio di notevole intensità, agendo in profondità nei tessuti.

Da questa vibrazione con urto e frizione delle strutture cellulari e intracellulari viene generato del calore.

L’interazione degli ultrasuoni con i tessuti biologici produce quindi effetti meccanici, termici, chimici ed antalgici.

Gli effetti terapeutici della terapia con ultrasuono sono dunque di tipo antalgico, di rilassamento dei muscoli contratti, azione fibrotica ed azione trofica.

Particolarmente indicata per tutte le patologie dell’apparato locomotore in cui si desidera un effetto antalgico, nelle sciatalgie e nevriti in genere, nelle calcificazioni periarticolari, morbo di Duplay, morbo di Dupuytren, ematomi organizzati e tessuti cicatriziali, tendiniti, contratture muscolari.

Nella periartrite scapolo-omerale la terapia con ultrasuoni è in grado di disgregare le calcificazioni e di favorire il riassorbimento delle deposizioni di sali di calcio.

Inoltre, è utile per migliorare l’efficacia delle sedute di kinesiterapia.

Nelle patologie acute sono sufficienti 8-10 trattamenti per riscontrare buoni risultati, mentre nelle patologie croniche ne servono 10-15.

L’utilizzo è previsto per applicazioni in:

  • Terapia del dolore
  • Trattamenti sportivi
  • Medicina estetica

 

Lampada ad infrarosso

APPLICAZIONI PRINCIPALI

Il principale effetto dell’infrarosso è la produzione dell’effetto termico nella zona di trattamento, ossia la trasmissione di calore ai tessuti: il calore aumenta la temperatura producendo l’aumento del metabolismodei tessuti, vasodilatazione dei capillari e rilassamento muscolare.

La luce ad infrarosso è inoltre particolarmente indicata nei trattamenti di bellezzarilassamento e rinnovamento dei tessuti.
Il calore trasmesso risulta piacevole per il paziente in tutte le situazioni in cui sia opportuno e salutare irradiare e riscaldare zone del corpo.

L’effetto antalgico dell’infrarosso è legato alla rimozione di sostanze algogene dai tessuti patologici e al rilassamento dei muscoli contratti. È particolarmente indicato per tutti gli stati di contrattura muscolare, per il trattamento dell’artrosi cervicale e lombare e nel trattamento di piaghe da decubito.

Inoltre, i raggi infrarossi risultano efficaci come preparazione alle sedute di kinesiterapia.

L'aumento del flusso sanguigno, che fa seguito alla vasodilatazione, fa pervenire nei tessuti una maggiore quantità di sostanze nutritizie, ossigeno, globuli bianchi ed anticorpi e facilita la rimozione dei cataboliti dai tessuti.  Queste modificazioni biologiche migliorano il trofismo dei tessuti e facilitano la riparazione dei danni tissutali.

 

Bagno di paraffina

 

Grazie alla sua efficace azione termica e meccanica la paraffina risulta molto indicata per il trattamento di artrosi, artrite reumatoide (nella fase subacuta o cronica) e dove sia presente rigidità, edema.
La paraffina risulta molto indicata in preparazione delle manovre di rieducazione e di terapia manuale, post-immobilizzazione da gesso e da rigidità post-traumatiche.

L’utilizzo della paraffina in campo estetico ha una storia più recente. Si è infatti scoperto che la paraffina non ha solo un effetto lenitivo sulle articolazioni doloranti ma rende anche la pelle molto morbida. La paraffina è in grado, infatti, di idratare la pelle e aprire i pori, facendo sì che i principi attivi curativi e rigeneranti contenuti nelle lozioni o nelle maschere vengano assorbiti meglio.

Effetti biologici e terapeutici:

• Effetto termico: la paraffina impiegata ad una temperatura superiore ai 50 °C trasferisce il calore ai tessuti sottostanti, favorendo un’ azione di termoterapia esogena.

• Effetto meccanico: la paraffina applicata alla cute, subisce il passaggio dallo stato liquido allo stato solido, durante questo passaggio riduce il suo volume esercitando un’azione benefica di compressione dei tessuti, in particolar modo esaltando l’effetto antiedemigeno.

 

TUTTI PRODOTTI NEL CATALOGO SONO DISPONIBILI

E ORDINABILI TRAMITE TELEFONO 

 

SCARICA IL CATALOGO 

 

 

PER INFO ASSISTENZA ALLA SCELTA PRODOTTO E COSTO

0693667678 --  3334908328