IMPOTENZA SESSUALE E CALO DEL DESIDERIO

STALLONE

From  40,00

Utile ad aumentare le perfomance durante il rapporto sessuale.
Stimola la circolazione sanguigna, incrementa le dimensioni
del pene e la produzione di spermatozoi.

Annulla selezione
Brand:Atena Bio

Scheda Del Prodotto

Utile ad aumentare le perfomance durante il rapporto sessuale.
Stimola la circolazione sanguigna, incrementa le dimensioni
del pene e la produzione di spermatozoi.

MAGGIORI INFO NELLA SCHEDA ERBORISTICA

STALLONE CAPSULE DA 400 mg

COMPOSIZIONE:

150 mg Arginina, 40 mg Resveratrolo, 30 mg E.S. Polline, 60 mg E.S. Ginseng, 30 mg E.S.
Tribulis Terrestris, 30 mg Guaranà, 30 mg E.S. Eleuterococco –

POSOLOGIA:
2 capsule al giorno, durante i pasti.

STALLONE PLUS CAPSULE DA 700 mg

COMPOSIZIONE:

75 mg Arginina, 75 mg Resveratrolo, 75 mg E.S. Polline, 150 mg E.S. Ginseng, 75 mg E.S.
Tribulis Terrestris, 75 mg Guaranà, 75 mg E.S. Eleuterococco –

POSOLOGIA:
2 capsule al giorno, durante i pasti.

capsule in gel vegetale

Informazioni Aggiuntive

stallone

Stallone – 30 capsule, Stallone Plus – 30 capsule

Brand

Atena Bio

La filosofia aziendale si basa sul miglioramento della longevità umana, proponendo rimedi e prodotti naturali, usati da migliaia di anni da molteplici popolazioni, sia per la prevenzione che per la cura di tutte le malattie. Nel corso degli anni Atena Bio S.r.l. ha sviluppato diverse collaborazioni con istituzioni scientifiche, quali il Policlinico Umberto I di Roma e l’Ospedale Cà Foncello di Treviso, per studiare e provare scientificamente i benefici dei propri prodotti. Tra le diverse collaborazioni, si evidenziano anche l’Istituto di Medicina Naturale di Urbino, Studi e Ricerche Aloe Solidale Mission Italia Onlus di Cagliari, FederAnziani di Roma, Accademia Internazionale di Nutrizione di Barcellona e Associazione di Scienza della Salute di Konniken (Svizzera).
STALLONE

Scheda erboristica

la presente scheda è tratta dalle publicazioni internazionali di fitoterapia e ha valenza solamente di informazione generale non medica 

Il Resveratrolo è stato per anni la superstar degli integratori, con studi che ne mostravano
gli effetti quasi miracolosi su processi ossidativi, patologie e invecchiamento. E, in effetti, i
dati della ricerca su colture cellulari e animali sono molto interessanti. Gli studi clinici, però,
mostrano una realtà più sfumata, con risultati meno netti e influenzati anche dalla ridotta
biodisponibilità di questa sostanza.
Il Resveratrolo è un composto polifenolico; una delle tante molecole che le piante producono
per proteggersi in situazioni di stress (lesioni, infezioni da parte di funghi o batteri ed
esposizione a raggi ultravioletti). Solubile nei grassi, si presenta in diverse configurazioni –
trans e cis – spesso legate a molecole di glucosio a formare glucosidi.
La sua individuazione nel vino rosso, nei primi anni 90, ha destato un grande interesse ed è
stata utilizzata per spiegare il fatto che gli abitanti del sud della Francia, nonostante una dieta
ricca di grassi saturi, presentavano un’incidenza ridotta di malattie cardiovascolari. Il consumo
abituale di vino rosso, ricco di Resveratrolo e altri flavonoidi, è stato indicato come
uno dei possibili fattori protettivi, dando il via ad una mole imponente di studi sul ruolo che
questo composto potrebbe avere nella prevenzione e nel trattamento di un gran numero di
patologie.
Di fatto, il Resveratrolo è considerato un nutraceutico; una sostanza di origine naturale, presente
in determinati alimenti, in grado di modulare un gran numero di processi fisiologici.
Molto interessante è il suo ruolo nella regolazione dell’espressione dei geni per enzimi antiossidanti
(SOD1 e GPX1) e pro-ossidanti, con aumento della sintesi di enzimi antiossidanti
e riduzione della produzione di radicali liberi.
Il Resveratrolo è in grado di modulare un gran numero di vie di segnalazione cellulare coinvolte
nella regolazione di processi infiammatori, nella risposta immunitaria alle infezioni e allo stress e nei processi di formazione dei tumori. È un antinfiammatorio, inibisce la proliferazione
delle cellule tumorali, ne provoca l’apoptosi (morte cellulare programmata), ne riduce
la capacità di invasione dei tessuti sani e la capacità di formare nuovi vasi (necessari
allo sviluppo del tumore). Secondo recenti studi, potrebbe agire su AMPK (molecola chiave
dei meccanismi di regolazione energetica della cellula), portando alla conversione di tessuto
adiposo bianco in tessuto adiposo bruno, con conseguente riduzione del peso corporeo.
Il Resveratrolo può inibire alcuni processi che portano allo sviluppo di patologie cardiovascolari;
protegge i vasi dalla formazione di placca e dalla proliferazione di tessuto muscolare
liscio, stimola la produzione di ossido nitrico responsabile dei processi di vasodilatazione
e inibisce attivazione e aggregazione delle piastrine – primo passo per la formazione dei coaguli
che possono causare infarti ed ictus.
Il Ginseng (Panax Ginseng L.) appartiene alla famiglia delle Araliaceae; piante perenni a crescita
lenta di cui fanno parte 11 specie.
Uno studio effettuato dalla Southern Illinois Unìversity School of Medicine (2002) ha dimostrato
che migliora la libido e le prestazioni sessuali. Contiene fitoestrogeni, stimola
l’ipofisi e aumenta la secrezione delle gonadotropine. Altri studi più recenti hanno dimostrato
che riduce notevolmente la spossatezza nei pazienti oncologici avanzati. Inoltre stimola
il sistema nervoso, portando ad un maggior attivismo dato da un’aumentata sensazione
di benessere. Un effetto che comporta un maggior dinamismo, che a sua volta implica
un miglioramento del sistema circolatorio e muscolare e – di riflesso – di quello immunitario.
Nella Medicina Tradizionale Cinese (che presta grandi attenzioni alla componente energetica
della cura), questa pianta ha forti connotazioni simboliche. Dato che le sue radici tendono
ad assumere morfologie che ricordano parti del corpo umano, viene impiegata per trattare
ciò che la radice morfologicamente rappresenta. Ad esempio un arto.
Il Guaranà (Paullinia Cupona Kunth) è una pianta rampicante, sempreverde, nativa della foresta
amazzonica, appartenente alla famiglia delle Sapindaceae. Contiene guaranina; sostanza
dalle proprietà eccitanti. Gli indios la considerano un “elisir di lunga vita” poiché curativa
di svariate malattie. L’utilizzo che ne facevano era però focalizzato specialmente
sull’effetto tonico-stimolante, dunque veniva impiegato soprattutto per aumentare la resistenza
fisica. Molte tribù andarono oltre e cominciarono ad utilizzarla per combattere la
diarrea e le malattie che indebolivano l’organismo, oltre che quale rimedio per lenire i dolori
mestruali.
Il Polline è un prodotto naturale delle api e preziosa fonte di sostanze nutritive ed energia.
Il suo valore salutare è dovuto all’ampia gamma di metaboliti (tocoferolo, niacina, tiamina,
biotina e acido folico, polifenoli, pigmenti carotenoidi, fitosteroli), oltre che a enzimi e coenzimi.
Nelle società antiche, principalmente in Grecia e Cina, veniva ampiamente usato in medicina.
In Egitto era ritenuto una “polvere vivificante”.
Fonte di nutrienti vitali come proteine, lipidi, vitamine, minerali e carboidrati, nonché oligoelementi
e notevoli quantità di polifenoli (principalmente flavonoidi), sono famosi i suoi effetti
sui disturbi della sindrome metabolica. Migliora la glicemia, previene l’obesità, combatte
i disturbi del fegato, migliora le alterazioni degenerative e la steosi epatica attraverso
la diminuzione del colesterolo totale, ha effetti cardioprotettivi, previene l’aterosclerosi e
l’iperuricemia. Inoltre, Studi Scientifici evidenziano i suoi effetti positivi contro la disfunzione
del sistema testicolo-ipofisario diabetico.
Trattamenti con polline d’api hanno consentito di ipotizzare che svolga un ruolo protettivo
contro la disfunzione del sistema testicolare ipofisario indotta dal diabete e le relative alterazioni
negative.
Antiossidante naturale, riduce la tossicità del fluoro, ha effetti positivi sul metabolismo osseo,
regola le funzioni ovariche e intestinali, svolge un’azione antiallergica ed è utile anche
nella disfunzione cognitiva.
In sostanza, è raccomandato quale alimento quotidiano funzionale poiché protegge dalle
malattie del muscolo cardiaco e dagli effetti dannosi delle tossine alimentari e migliora la
salute, favorendo la circolazione sanguigna, ritardando l’invecchiamento, migliorando
l’immunità e aumentando le attività fisiche e mentali.
Tribulus Terrestris L. è una pianta annuale della famiglia Zygophyllaceae, utilizzato fin dai
tempi antichi come energizzante, rivitalizzante e migliorativo delle funzioni sessuali e delle
performance fisiche maschili. Nella Medicina Ayurvedica è stato infatti utilizzata per migliorare
la fertilità maschile e la funzione erettile, i disturbi uterini e urinari, i calcoli renali, la gotta e la gonorrea, sino a diventare un’erba comunemente usata per il trattamento dei disturbi endocrini femminili e maschili.
Considerato un tonico generale, un afrodisiaco, un estrogeno e androgeno modulatore, viene
impiegato per ripristinare la vitalità e la libido e per ridurre gli effetti fisiologici dello
stress.
I risultati degli Studi e delle Sperimentazioni Cliniche sono notevoli sia in modelli animali
che umani e hanno dimostrato che possiede un’attività afrodisiaca, aumenta il desiderio
sessuale e migliora la produzione di ormoni sia per gli uomini che per le donne.
Prove scientifiche ne supportano l’uso anche per gli effetti vantaggiosi sui parametri dello
sperma negli uomini con infertilità idiopatica.
L’Eleuterococco è un arbusto appartenente alla famiglia delle Araliacee. Le radici e i rizomi
essiccati della pianta vengono utilizzati in varie preparazioni, principalmente per le sue proprietà
adattogene.
Supporta la salute e previene le malattie sia negli individui malati che in quelli sani attraverso
effetti non specifici che neutralizzano vari fattori di stress ambientali e fisici pur rimanendo
relativamente sicuri e privi di effetti collaterali.
È stato inoltre approvato in Scandinavia come medicinale per il trattamento delle infezioni del tratto respiratorio.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “STALLONE”